Preparandosi…. ma non a partire !

Più passa il tempo, più vedo che e’ difficile mantenermi in forma.  Ho sempre avuto quelle che poi ho scoperto sono forme mediterranee, e mentre quando ero all’università mantenevo la 44 con lo sport, durante gli anni successivi sono arrivata fino alla 42, perché dopo essere diventata mamma, prima l’allattamento per un anno e mezzo quasi due, poi lo sforzo di coniugare famiglia, lavoro ed interessi sempre nuovi, mi facevano bruciare molte calorie.  Ora sto accorgendomi che se voglio stare in una 42 che in fondo e’ adatta alla mia altezza e non voglio essere “stressata”, che e’ poi la situazione che mi fa perdere peso, devo rimettermi a fare sport.

living-the-good-long-life-cover_vert

Ho letto recentemente un interessante libro di Martha Stewart Living a Long Good Life dedicato alle donne over 40.  Questo libro e’ un manuale molto pratico in cui si parla di come mantenersi in salute attraverso il cibo, lo sport, lo studio, la cura dell’aspetto esteriore, la cura della casa e del proprio abbigliamento.  Questo libro mi ha ispirato a comprare gli attrezzi base per fare Pilates in casa (ed in viaggio), e a riprendere a correre 1 ora al giorno, dopo il lavoro meglio per scaricarmi delle tensioni eventualmente accumulate.  Mi sono anche resa conto che devo preparare la mia pelle per un processo di invecchiamento in bellezza e che quindi non la devo lasciare disidratare.

IMG_1349

Da qualche mese mi sono quindi costruita una vera e propria routine di bellezza basata su gesti quotidiani e settimanali.  Il risultato l’ho visto fin dalla prima settimana.

Io per esempio mi trucco solo quando sono in una città, cioè molto poco, quindi pensavo che non truccandomi, non fosse necessario tener pulita la pelle con prodotti particolari all’infuori di acqua e sapone.  Ora la mattina e sera mi lavo il viso con un olio detergente preparato da me a base di Grapeseed Oil (adatto alla mia pelle mista), ed olio essenziale di arancio amaro e salvia; lo applico, massaggio e lo tolgo con un panno di microfibra (conosciuto grazie a Clio).  L’odore di arancia al mattino sul viso, mi fa sentire subito fresca, energetica, pulita e frizzante.  Poi mi metto una crema da giorno (questa non la produco ancora io, ma lasciatemi tornare in Peru e vedrete), scelta sempre fra alcune marche “bio” sud africane e dopo aver trovato la lista di ingredienti più corta che riesca a trovare.  Se ho la pelle troppo lucida, metto un velo di cipria minerale.

Una volta a settimana, faccio un peeling con lo zucchero, poi una maschera di argilla oppure di miele con olio essenziale di lavanda e Tea Tree (vedi foto in alto).  Se fa freddo, prima della maschera e dopo il peeling faccio una sauna al viso con acqua e rosmarino.

Tutte queste “ricette” di bellezza per la produzione di prodotti per il viso e corpo, le prendo dal libro di Dina Falconi di cui ho parlato qui.

IMG_1354

Da poco ho cominciato anche a fare da sola il mio fondotinta, oppure la crema da giorno colorata.  Per questo non ho ancora trovato un libro quindi faccio secondo le idee che mi vengono.  Per esempio ho pensato di comprare un gel di alor vera per il viso, e di unirci qualche goccia di Tea Tree oil, il fondotinta e la cipria minerali.  Il prodotto ha una coprenza media e non mi pesa sulla pelle.  L’unico problema e’ stato mescolare bene i prodotti.  Il gel di aloe vera lo uso già come “primer” per gli occhi.

Aspetto di tornare in Peru per ritrovare le piante medicinali che uso laggiu e che sono meravigliose, come l’olio di copaiba, che basta applicare una volta alla settimana per idratare la pelle per tutta la settimana.

Annunci

Ho letto questo post di Heidi ed il titolo mi ha fatto riflettere sul significato del vivere in maniera semplice.  Mi piaceva il suo punto di vista ma pensavo anche che la parola “semplice” con me non va d’accordo.  Per natura tendo alle situazioni complicate con quella che spesso deve sembrare palese incoscienza.  Ma a dire in vero, quello che amo è il districare situazioni complicate e farne una linea, che poi è la via più semplice per arrivare da un punto ad un altro. Continua a leggere