Fratelli

IMG_1534_fotor

Mi raccontava qualche settimana fa una coppia di genitori peruviano-colombiani di aver deciso di dare una sorellina alla loro bimba perché i bambini che sono figli unici crescono tristi ed egoisti.

Ale cerca molto la compagnia di altri bambini e da quando ha compiuto 6 anni vedo che proprio e’ attento ed affettuoso anche con i bambini molto più piccoli di lui, per cui un fratello/sorella credo gli piacerebbe un sacco.  Ma non credo che essere figlio unico ora od in futuro, influirà sul suo modo di essere, se noi genitori continueremo ad essere aperti ad accogliere gli altri bambini come se fossero figli nostri, cioè con rispetto ed attenzione.

Nella casa dove abitiamo ora, abbiamo vicini che sono famiglie e tutti hanno solo un figlio, il che sembrerebbe strano se si pensa ai luoghi comuni sull’Africa.  Anche noi per ora pensiamo di non avere altri figli, perché quando si fa un lavoro come il nostro, per cui ogni anno o due o tre si deve trovare un altro lavoro e ricominciare da capo, spesso in un’altra parte del mondo, e’ più facile pensare di essere una famiglia piccola.

Se nel futuro potremo avere un altro bambino, sicuramente ne sarei felice, ma ora sono felice anche di questa situazione: noi genitori abbiamo aperto il nostro cuore  e trattiamo tutti i bambini che passano per casa con lo stesso rispetto ed attenzione con cui trattiamo Ale ed io osservo che poi Ale tratta i suoi amici e cugini come  se fossero suoi fratelli.  E cosa voglio dire con questo ? alla fine credo che un fratello e’ qualcuno che e’ presente ogni giorno e che importa ai nostri genitori, per cui se questi due elementi sussistono, i legami di sangue diventano molto relativi ed infatti spesso sentiamo che abbiamo un amico/a che sentiamo più come fratello/sorella dei nostri stessi fratelli o sorelle.

E voi cosa ne pensate ?

Annunci

2 thoughts on “Fratelli

  1. Credo che in entrambe le situazioni – quella da figlio unico e quella con fratelli – ci siano dei lati positivi e meno positivi. Sta in noi genitori a mettere l’accento su quelli positivi e rinforzarli, sempre tenendo conto magari di ció che potrebbe (dico appunto potrebbe) mancare (nel caso del figlio unico i fratelli, nel caso di molti figli forse risorse e tempo a disposizione a testa ecc.), e poi agire in quel senso, come lo state facendo voi da come descrivi. Mi piace moltissimo questa cosa delle “porte aperte”, e credo che A. sia un bambino davvero molto fortunato!
    un bacione
    S.

    1. si, e’ vero, bisogna vedere le cose dai 2 punti di vista. Io ho avuto un momento in cui desideravo avere un altro figlio, e dicevo che era perché volevo che Ale avesse dei fratelli, ma poi mi rendevo conto che era un po’ una scusa perché appunto fratelli in quel senso più aperto, ne aveva già, ed quello di avere un altro bambino era un desiderio mio di donna. Mi piace quando scrivi questo di rinforzare i lati positivi delle situazioni, me lo ricorderò !!

le tue riflessioni sono gradite

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...